Dolomiti, patrimonio mondiale

Bizzarre, maestose, imponenti: La bellezza e l’unicità dei “monti pallidi” non può quasi essere descritta a parole. Non c’è da meravigliarsi se dal 2009 le Dolomiti fanno parte del Patrimonio Naturale dell’UNESCO e, da allora, sono sotto la protezione speciale del riconoscimento più prestigioso al mondo per un sito naturale.

Nature Park Tre Cime Toblacher See

Per 250 milioni di anni il gruppo montuoso è stato sommerso dalle acque del Tetide; per questo motivo, le torri pietrificate sono diventate bianche ed imponenti così come le conosciamo oggi. Le Dolomiti prendono il loro nome dal geologo Deodat de Dolomieu e, per la loro particolare conformazione geomorfologica, hanno ancora oggi un grande valore a livello internazionale, perché danno una visione rilevante sulla storia della terra.

panzenberger.com_portfolioprint_0053

È soprattutto la ricchezza di contrasti che caratterizza in particolare il terreno delle Dolomiti, a partire dalla straordinaria varietà di strati di roccia fino alla varietà di colore che appare quasi surreale. Dolci colline alpine si alternano a pareti rocciose verticali e a una flora e fauna che non hanno simili. Ammirate con i vostri occhi e lasciatevi sorprendere dagli straordinari panorami. Molte escursioni, percorsi di alpinismo e arrampicata nei dintorni di Dobbiaco vi spianano la strada per scoprire il fantastico mondo delle Dolomiti e per godervi al meglio lo spettacolo!